Capolavori senza tempo

A ospitare Capolavori senza tempo è il MEF (Museo Enzo Ferrari) di Modena, uno dei luoghi più influenti quando si parla di automobilismo e, soprattutto, della scuderia di Maranello.

capo2

Più che una mostra parliamo di un vero e proprio evento che vuole raccontarci una storia e portarci indietro nel tempo. Tra le potenti ed eleganti Gran Turismo, oggetti iconici rendono Capolavori senza tempo una finestra temporale che ci fa vedere quello che è stato e quello che sarà.

Qui il mondo delle quattro ruote si affianca a stili e design, per mostrarci come è cambiato il mondo dal 1948 ai giorni nostri.

Due parole sul Museo Enzo Ferrari di Modena

Prima di addentrarci a vedere la mostra, merita qualche parola anche il padrone di casa. Il MEF nasce dalla ristrutturazione della residenza in cui nacque Enzo Ferrari. Con il tempo è stata ampliata con un secondo edificio dal design particolare.

La struttura infatti ricorda il cofano di un’automobile dove, al suo interno, possiamo trovare un percorso audiovisivo che va a ripercorrere in loop gli eventi più importanti e la storia di questo straordinario personaggio.

capo3

Cosa vedere a Capolavori senza tempo

Il titolo della mostra dice già tutto. Capolavori senza tempo riporta alla luce le vetture più eleganti che hanno fatto la storia del cavallino rampante e di tutto il mondo dell’automobilismo. A partire dalle Gran Turismo alle fantastiche auto sportive, l’evento ci riporta indietro nel tempo e ci permette di viaggiare attraverso la storia della Ferrari, una storia che ancora oggi può vantare appassionati di ogni età.

Filo conduttore della mostra è, come facile immaginare, proprio il tempo. Il viaggio comincia nel 1948 con la 166 Inter, un’auto che ha simboleggiato la rinascita dell’Italia dopo la Seconda Guerra Mondiale, accompagnata dalla 750 Monza che fu l’ultima macchina guidata da Alberto Ascari, ultimo pilota italiano a vincere il Mondiale Piloti.

capo4

Si prosegue poi fino ad arrivare al nuovo millennio, dove ci viene presentata la California 2008, la GTC4 del 2016 e la simbolica barchetta monoposto del 2018 con l’inseparabile due posti SP2. Sì, perché queste due automobili sono quelle che hanno inaugurato “Icona”, una serie di vetture a edizione limitata, ispirate ai modelli più iconici e simbolici della scuderia Ferrari.

Ma Capolavori senza tempo non è solo un’esposizione, il viaggio ci porta fin dentro le epoche presentate e lo fa combinando oggetti e simboli di quella determinata annata storica. Entriamo nel dettaglio. Attorno alle auto, principali protagoniste della mostra, si possono osservare immagini e prodotti specifici di quel periodo: musica, cinema, tecnologia, arredamento, ecc.

È tutto definito nei minimi dettagli. La selezione dei modelli e degli oggetti che accompagnano le auto è stata fatta in modo che il tutto fosse sincronizzato e armonioso, con l’obiettivo di mettere in relazione la Ferrari con le altre icone dello stesso periodo.

capo5

Orari e prezzi

Potrete godervi Capolavori senza tempo fino a febbraio 2020. Il MEF  è aperto al pubblico tutti i giorni a seconda del periodo. Da novembre a marzo in bassa stagione si apre alle 9.30 e si chiude alle 18. In alta stagione, da aprile a ottobre, l’ingresso è sempre alle 9.30 ma si chiude un’ora dopo, alle 19.

Il costo del biglietto per la mostra “Capolavori senza tempo” è di 16 euro e si può acquistare online dallo store ufficiale.

Lucio Celia
©Riproduzione Riservata

Lascia una risposta